Bene Vs. Male / Legge Vs. Caos

eafwj4

L’allinemanto dei personaggi giocanti è sempre stato un elemento di caratterizzazione della personalità.

Per molti si tratta di un elemento inutile o addirittura un ostacolo all’interpretazione più pura di un personaggio. Per altri invece è un elemento fondamentale, un strumento utile a definire l’indole di un personaggio.

Spesso viene espresso in tre semplici categorie astratte:

Legale – Neutrale – Caotico

oppure tre categorie ben definite:

Buono – Neutrale – Malvagio

in altri contesti gli viene data più profondità unendo gli stereotipi e ottenendo nove allinemaneti distinti:

Legale Buono – Legale Neutrale – Legale Malvagio

Neutrale Buono – Neutrale (autentico) – Neutrale Malvagio

Caotico Buono – Caotico Neutrale – Caotico Malvagio

Ma perché esiste l’allineamento e a cosa serve? Proverò a dare una risposta secondo il mio punto di vista.

Restando in ambito di statistiche di gioco, l’allineamento trova la sua ragion d’essere in oggetti magici, poteri ed incantesimi che hanno effetto su creature di un dato allineamento.

Analizzando l’aspetto interpretativo, l’allineamento trova il suo significato nella letteratura Fantasy dove il bene ed il male sono spesso elementi chiave anche se espressi in termini e stili differenti, ed anche perché ciò che è bene e ciò che è male in alcuni casi resta qualcosa di astratto. Questo è più che mai vero nel Fantasy in stile “Sword & Sorcery” dove sono l’astuzia, il coraggio, la sagacia e la forza ad essere messi in risalto più che i nobili intenti o gli schieramenti morali. Tuttavia, se il bene e i nobili intenti non sono gli elementi condivisi dagli eroi della Sword & Sorcery, anche nella Sword & Sorcery il male ha bisogno di essere riconosciuto come tale e necessita di una sua nicchia dove il lettore e il protagonista della storia si ritroveranno ad essere la sua controparte.

In alcune saghe Fantasy più moderne, come ad esempio quella di Game of Thrones, il bene e il male sono solo un lontano eco, sono invece in risalto gli atteggiamenti tipicamente umani (nel bene e nel male) e come sia la fatalità ad influire sugli eventi, lasciando di sasso quei lettori alla ricerca di una morale. Anche nel caso di questa saga si può intendere che i personaggi siano legati a degli allineamenti, chi in maniera più o meno esplicita, chi in maniera più ambigua. Una visione estremamente ampia di ogni singolo allineamento potrebbe essere la chiave di lettura degli schieramenti morali in questa saga, tenendo presente che molti personaggi ricadono nella categoria del “Neutrale” con poche eccezioni schierate in maniera più evidente con il bene o con il male. Inoltre, la fatalità intrinseca di questa saga è, in un certo senso, molto vicina al concetto di un Gdr, dove i riscontri possono essere imprevedibili, nella stessa misura in cui non è detto che i personaggi giocanti sopravvivano ad ogni avventura ed escano vittoriosi da ogni scontro. In breve, la fatalità è rappresentata dai dadi.

Personalmente penso all’allinemanto come ad una linea guida di un’indole definita ma allo stesso tempo questa resta nelle mani di chi la interpreta il quale avrà l’opportunità di plasmarla in una nuova sfumatura.

“Sfumature”, questa credo sia la parola chiave. Ogni allineamento può essere interpretato in una moltitudine di sfumature, il confine tra un allineamento ed un altro può essere un interessante argomento di dibattito ma bisogna tenere a mente che un personaggio può appartenere ad un allineamento in almeno mille modi differenti.

In Antiche Leggende Gdr ho preferito focalizzare l’allineamento sul Buono, Neutrale e Malvagio.

In questo modo non si scende troppo nello specifico come nel caso dei nove allineamenti; se è vero che l’allineamento rappresenta l’indole di un personaggio, spetta al giocatore trovare un modo consono al raggiungimento dei propri obbiettivi.

Inoltre la scelta non ricade in termini astratti come Legale, Neutrale e Caotico, i quali sono comunque associati o associabili, anche se in forma più ambigua, al concetto di bene e male.

Questo è il mio personale punto di vista e mi rendo conto che ogni tavolo da gioco ha le sue regole consolidate al riguardo, anche basate su come esse vengono intese e adoperate dai giocatori stessi. Se tutti al tavolo da gioco hanno un’idea ben precisa del sistema Legale, Neutrale, Caotico, perché non adottare quello? Se si preferisce seguire una descrizione più dettagliata delle personalità disponibili, perchè non utilizzare il sistema dei nove allineamenti?

A voi la scelta.

Tratto dal Manuale di Antiche Leggende GdR:

La letteratura Fantasy abbonda di figure eroiche, di grigi individui tra luce ed ombra e di incalliti malvagi dal cuore nero. L’allineamento rappresenta da che parte, consciamente o inconsciamente, il personaggio è schierato ed indica la sua predisposizione, le sue motivazioni e la sua vera natura. Per una migliore interpretazione è consigliabile che l’allineamento rimanga un segreto condiviso tra chi lo interpreta e l’Arbitro di Gioco. In base alle scelte e al comportamento di un personaggio, si potrà dedurre la sua indole (e quindi il suo allineamento), ma nessun personaggio si definirà buono, neutrale o malvagio a prescindere.
Sentitevi liberi di motivare il vostro personaggio come meglio credete ma ricordate di rispettare la scelta fatta.

Buono: i personaggi buoni sono votati al Bene secondo il senso comune del termine. Tendono a farsi rispettare cercando di aiutare il prossimo e proteggendo gli amici, gli alleati o chiunque abbiano a cuore. Si schierano dalla parte di indifesi ed oppressi per una questione di principio più che per una ricompensa, dove possono cercano di portare gioia o conforto e sono decisi a battersi per un mondo migliore.

——————

Neutrale: molti personaggi alla ricerca di fama e gloria ricadono nella categoria “neutrale”. I personaggi neutrali non sono vincolati da un comportamento tipico, possono apparire stravaganti come completamente anonimi, hanno dei valori e degli ideali che li ispirano ma si battono per essi solo quando lo reputano realmente opportuno o se ne ricavano un tornaconto personale. Il Bene e il Male sono per loro irrilevanti sulle decisioni più pratiche, cosa che li fa apparire a volte cinici, mentre sul piano etico tendono a non eccedere in questi due estremi. Le creature legate agli istinti naturali sono sempre considerate neutrali.

——————

Malvagio: i personaggi malvagi sono votati al Male secondo il senso comune del termine. Tendono a farsi temere cercando di imporsi sul prossimo, spesso a scopi profittevoli e possibilmente a scapito di coloro che sono più facili da sottomettere. Schiacciare i deboli, infliggere sofferenza, tradire, mentire e uccidere, rappresenta per loro il raggiungimento del potere, della supremazia, del guadagno e dell’appagamento personale.

Annunci

Una Risposta to “Bene Vs. Male / Legge Vs. Caos”

  1. scelta condivisibile 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: